Come accettare i difetti del partner

Come l’amore può insegnarci ad accettare i difetti del partner e a trasformarli nelle caratteristiche che rendono unica la nostra metà.

Ogni coppia, anche la più forte, si trova prima o poi a fare i conti con ciò che lui o lei considera un difetto nel proprio partner. L’amore, si dice, dovrebbe vincere su tutto, eppure a volte proprio non riesce a farci sopportare il dentifricio schiacciato a metà, la porta del bagno lasciata aperta, la giacca lasciata sulla sedia invece che riposta dentro l’armadio e via così.

Ci troviamo a chiederci come sia possibile amare tanto una persona e al tempo stesso non riuscire ad apprezzarne ogni singola sfaccettatura caratteriale e, a volte, questo pensiero può addirittura portarci a far crescere dentro di noi dei dubbi sulla nostra relazione.

È davvero possibile imparare ad accettare i difetti del partner? Esiste una formula magica, un corso, una terapia di coppia che ci permetta di cambiare da un giorno all’altro le reazioni negative che abbiamo davanti ad alcune situazioni?

Come può una coppia che si ama, che condivide il sogno di una vita, che ha avuto la forza di crescere dei figli o che lo sta facendo trovarsi a litigare per un piatto sporco dimenticato sul lavello? Sembra impossibile eppure accettare i difetti del partner è una delle cose più difficili da riuscire a fare nella vita di coppia –> Scopri come risolvere i conflitti di coppia!

Cambiare punto di vista sui difetti

Chi l’ha detto che quello che una persona considera un difetto lo sia veramente? Partiamo da questa prima riflessione per iniziare a cambiare punto di vista. Più che di «difetti» dovremmo parlare di «comportamenti che ci infastidiscono». Questa frase dovrebbe farci capire che il fatto che qualcosa ci infastidisca è un nostro problema prima di essere un problema altrui.

Di conseguenza, prima di chiedere all’altro di cambiare per noi, dovremmo impegnarci in prima persona a superare le nostre difficoltà. L’amore è un incontro e, per definizione, dovrebbe farci trovare a metà strada in qualsiasi situazione.

Proviamo a definire che cos’è un difetto. Chi l’ha detto che ciò che a noi crea reazioni negative sia necessariamente da considerare un difetto nell’altro?

Imparare a chiedere nel modo giusto 


Spesso, la cosa più difficile da fare è proprio comunicare all’altro che qualche suo comportamento genera in noi delle emozioni contrastanti. Non esiste una frase giusta e una frase sbagliata, il segreto sta tutto nell’imparare a dialogare apertamente.

«È facile stare insieme quando va tutto bene. Il difficile è quando si devono superare le montagne, fa freddo e tira vento. Allora, forse, per trovare calore, uno si deve fare un poco più vicino» (Maurizio De Giovanni)

Ma attenzione perché «dialogare» non significa solo esprimere le propri emozioni, ma anche saper ascoltare e accogliere le reazioni dell’altro. Ricordiamoci inoltre di chiedere, prima di pretendere qualcosa. A volte una richiesta gentile produce risultati molto più efficaci di tante pretese espresse con rabbia e risentimento.

Accettare l’altro esattamente così com’è

Ma se fosse così semplice nessuno avrebbe problemi ad accettare i difetti del partner. Capita infatti che, a volte, proprio non si riesca a venirsi incontro: il tubetto del dentifricio resta sempre schiacciato a metà, la porta del bagno resta inesorabilmente socchiusa e la giacca sulla solita sedia. Che cosa fare, a questo punto?

Prima di pretendere un cambiamento da parte del nostro partner, entriamo nell’ottica delle idee che noi, in prima persona, possiamo provare a cambiare le nostre reazioni. Per il benessere familiare, quale angolo di noi stessi possiamo provare a smussare?

Chiediamoci se valga la pena rovinare il clima familiare, una serata d’inverno, una domenica di vacanza solo per puntualizzare la propria posizione in merito a ciò che consideriamo un difetto del nostro partner. Certamente, non si tratta di accettare ogni comportamento a testa bassa, ma di valutare di volta in volta il valore delle nostre richieste.

Magari, non insistendo più sullo stesso argomento, il nostro partner potrebbe stupirci iniziando a pensarci di sua iniziativa. Oppure, potremmo stupirci in prima persona di quanto realmente poco ci interessi quello che gli stiamo chiedendo.

Vuoi aiutare qualcuno ad accettare i difetti del partner? Frequenta i nostri Corsi e diventa Mediatore Familiare!