Quando introdurre il sale nell’alimentazione dei bambini

Le più recenti linee guida pediatriche per introdurre correttamente il sale nell’alimentazione dei bambini.

Il sale è un elemento fondamentale della dieta, tuttavia è importante, a qualsiasi età, dosarlo con moderazione. Nel periodo dello svezzamento, soprattutto, o almeno fino al compimento del 12 mesi di età, gli esperti consigliano di non introdurre mai il sale nell’alimentazione dei bambini. Il rischio è che i piccoli si abituino troppo presto ai gusti molto saporiti e che, crescendo, sentano la necessità di aumentarne il dosaggio, andando incontro a problemi cardiaci, pressione alta, obesità e ipertensione.

–> Scopri anche le regole dell’alimentazione infantile! 

Ricordiamoci che nella maggior parte dei cibi che consumiamo il sale è già presente, anche se molto diluito, e di conseguenza le ulteriori aggiunte servono esclusivamente a soddisfare le esigenze del palato, non quelle dell’organismo. A maggior ragione, è ancora più saggio introdurre il più tardi possibile il sale nell’alimentazione dei bambini.

Le linee guida pediatriche

Le più recenti linee guida pediatriche indicano, come soglia massima, 400 mg di sale giornaliero per i bambini che non hanno ancora compiuto 12 mesi. Questa dose è già presente nella maggior parte delle pappe pronte, ecco perché è importante non aggiungerne ulteriormente. Dopo il primo anno e fino all’età adulta, la dose può lentamente e gradualmente aumentare, arrivando al massimo a 500 mg giornalieri.

Quando Introdurre il Sale nella Alimentazione dei Bambini

Le alternative al sale

Per insaporire le pappe senza introdurre troppo sale nell’alimentazione dei bambini, si possono utilizzare molte altre valide alternative, come ad esempio le erbe aromatiche, le spezie, l’aceto e il limone.

I cibi da evitare

Inutile evitare il sale ovunque se poi gli alimenti proposti a tavola ne sono pieni. Meglio quindi preferire i formaggi non stagionati, il prosciutto cotto al posto di quello crudo e ritardare i cibi precotti, in scatola o fritti.

Per saperne di più su quando introdurre il sale

nell’alimentazione dei bambini, scrivici!