Lavoro e disabili: la Corte Europea boccia l’Italia

3 anni fa, la Corte Europea bocciava l’Italia per mancanza di lavoro destinato ai disabili. Dal 2017, il Jobs Act promette cambiamenti di rotta significativi.

Solo 3 anni fa, la Corte Europea bocciava l’Italia per mancanza di iniziative efficaci destinate all’inserimento di persone con disabilità in ambiti professionali. Dal 2017, Jobs Act e bonus assunzioni introdurranno nuovi obblighi per le aziende e sgravi contributivi per i datori di lavoro. In questo articolo elenchiamo alcuni cambiamenti del decreto legislativo n. 151 del 14 settembre 2015.

–> Scopri anche come facilitare l’inserimento dei disabili nel mondo del lavoro!

A partire dall’1 gennaio 2017 entreranno in vigore gli obblighi previsti dalla modifica della Legge 68/99, modifica effettuata attraverso il Jobs Act. Ma, concretamente, che cosa devono fare le aziende per rispettare le nuove richieste?

Lavoro e disabili: ecco chi devono assumere le aziende
I datori di lavoro dovranno assumere, in percentuale variabile in base al numero di dipendenti:

• invalidi civili (con percentuale d’invalidità dal 46 al 100%);
• invalidi del lavoro (con percentuale d’invalidità maggiore del 33%);
• invalidi per servizio;
• invalidi di guerra e civili di guerra con minorazioni (dalla prima all’ottava categoria);
• non vedenti;
• sordomuti.

Rientrano nelle categorie protette anche:

• i profughi italiani;
• gli orfani, le vedove e i vedovi di deceduti per causa di lavoro;
• gli orfani, le vedove e i vedovi di deceduti in guerra o in servizio;
• i coniugi e i figli di invalidi del lavoro incollocabili, di invalidi per servizio o di invalidi di guerra con pensione di prima categoria;
• vittime del dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.

Come calcolare la percentuale di assunzioni

• Le aziende da 15 a 35 dipendenti devono assumere 1 disabile;
• le aziende da 36 a 50 dipendenti devono assumere 2 disabili;
• le aziende con oltre 50 dipendenti devono riservare il 7% dei posti disponibili a favore dei disabili, più l’1% a favore dei familiari degli invalidi e dei profughi rimpatriati.

Quando presentare l’assunzione Le assunzioni devono essere presentate entro un massimo di 60 giorni dall’entrata in vigore delle nuove normative, quindi al massimo entro febbraio 2017.

Per saperne di più su lavoro e disabilità, contattaci!